Vi raccontiamo il nostro viaggio a Istanbul, la capitale della Turchia.

Il viaggio ad Istanbul a febbraio del 2014 si può ufficialmente definire il nostro primo viaggio in 3! La gravidanza era ufficialmente avviata ed arrivata ormai al quarto mese, quindi Samuele diventava sempre più concreto...Inoltre, considerando che Giada doveva prestare particolare attenzione alla sua alimentazione in quel periodo, questo viaggio si può considerare il nostro unico viaggio analcolico!!! In compenso abbiamo bevuto tantissimo tè!

Arrivare ad Istanbul è come catapultarsi in un altro mondo...ci si trova ad Oriente, travolti da mille profumi e circondati da un’atmosfera fiabesca.

Arrivare ad Istanbul è come catapultarsi in un altro mondo...ci si trova ad Oriente, travolti da mille profumi e circondati da un’atmosfera fiabesca. Noi siamo arrivati di sera, con un volo Pegasus Airlines, e, utilizzando il servizio navetta che avevamo prenotato on line (www.istanbulairportshuttle.com), abbiamo preso la nostra stanza all’Hotel Zeugma, prenotato su Booking.com. La sistemazione non era niente di speciale, ma pulita e sicuramente in un’ottima posizione nella città vecchia. Abbiamo cenato in un ottimo ristorante di pesce, l’Ahirkapi balikcisi, molto semplice e frequentato da persone locali. Noi lo abbiamo scoperto grazie alla nostra Lonely Planet ed è davvero da consigliare, anche per sentirsi subito “del luogo”.

Dal giorno dopo siamo partiti alla scoperta della città e, fatto il Museum pass, per risparmiare qualcosina, la nostra prima tappa è stata l’Aya Sofya, dove si può ammirare una maestosa architettura impreziosita da intarsi e colori brillanti. Poi siamo andati a vedere la “Cisterna Basilica” (per la quale bisogna fare un biglietto a sé). post istanbul foto2Questo è un posto spettacolare, dove, facendo qualche gradino, si scende e ci si ritrova immersi tra miti e leggende, in un ambiente surreale: un porticato sotterraneo, con decine di file di colonne, immerso nell’acqua e sapientemente illuminato e con il riflesso che ne amplifica la visione.

E’ stata poi la volta della Moschea Blu: semplicemente magnifica! Non si poteva non concludere la giornata facendo un giretto tra i vari mercati con sosta al Grand Bazaar, dove, ipnotizzati dai coloratissimi souvenir e storditi dall’odore delle spezie e dalla confusione, ci siamo concessi una tazza di un ottimo tè.

Il giorno dopo siamo stati al Topkapi Palace, per una passeggiata nella storia.

Il giorno dopo siamo stati al Topkapi Palace, per una passeggiata nella storia. Il complesso è davvero immenso, ma non ci si stanca mai di passare da una stanza all’altra, alzando lo sguardo per ammirare le decorazioni e i dipinti ed attraversando i meravigliosi giardini. La sera è stato bellissimo camminare lungo il ponte di Galata, osservando il tran tran della vita quotidiana e le decine di pescatori che fiancheggiavano tutto il ponte. E’ stato come osservare un dipinto fatto di mille contrasti ed a pochi passi al di là del ponte, la città si trasforma in una metropoli cosmopolita. Siamo arrivati al punto di partenza dell’Istanbul Tunel con il quale si raggiunge il quartiere di Kabatas, dove si trova anche Piazza Taksim. Abbiamo fatto un bel giro tra negozietti di design, pub ed edifici moderni.

L’ultimo giorno lo abbiamo dedicato ad un traversata sul Bosforo in traghetto, per poter godere del panorama della città da un’altra angolazione, ammirando le splendide Yali, abitazioni tipiche della città. Nel pomeriggio siamo andati a zonzo, senza meta, sulla Istiklal Caddesi, nel quartiere di Galata, per poter gustare in libertà degli ultimi scorci di questa città dalle mille sfaccettature.

Istanbul ci ha veramente colpito! Avevamo sentito tanto parlare di questa città magica e piena di contrasti e sicuramente non ci ha deluso. Dovremo per forza tornarci per farla vedere anche a Samuele...

Istanbul, dal 7 all'11 febbraio 2014.

ti promettiamo di non mandarti email spazzatura :)